Come conservare l’olio extra vergine d’oliva

Accorgimenti e segreti dell’olio

Come conservarlo
Se l’olio irrancidisce, si compromettono le sue qualità organolettiche (sapore, colore, odore) e quelle nutrizionali. In particolare, si alterano le sostanze antiossidanti: vitamina E e fenoli. Facilitano il processo di irrrancidimento il contatto con l’ossigeno e l’esposizione alla luce. Perciò, l’olio va conservato in recipienti di vetro scuro o lattine di banda stagnata, perfettamente puliti, ben chiusi, al riparo dalla luce e ad una temperatura compresa fra i 12 e i 14gradi. E una volta aperto il contenitore, va consumato entro 6 mesi. Infine, è bene evitare il contatto con metalli come ferro e rame, perché possono dare avvio all’irrancidimento.
Condimento antietà 
L’olio d’oliva contiene diversi composti antiossidanti: la vitamina E, gli steroli, i polifenoli (gli oli di oliva vergine ed extravergine sono gli unici oli vegetali che ne contengono quantità apprezzabili) e le clorofille (che si mantengono solo se si conserva al buio). Queste sostanze gli conferiscono resistenza all’invecchiamento. E, assunte con l’alimentazione, proteggono dagli effetti negativi del tempo che passa
.Digeribilissimo
 La notevole presenza di acido oleico rende l’olio di oliva molto digeribile. L’acido oleico, infatti, è sciolto con facilità dall’enzima preposto alla digestione dei grassi. Inoltre, stimola la secrezione biliare e ne aumenta la fluidità, migliorando l’assorbimento dei nutrienti (e la funzionalità intestinale). Così, i grassi “buoni” dell’olio sono utilizzati al 100%. E’ quindi indicato nell’alimentazione degli anziani e dei bambini.Anche per i piccoli Nella nostra alimentazione, il 30 per cento delle calorie totali giornaliere devono essere rappresentate dai grassi.Questo vale a maggior ragione per i piccolissimi. I pediatri consigliano infatti di inserire l’olio nello svezzamento, sia per la sua digeribilità (è il grasso più affine a quello presente nel latte materno), sia per la presenza di acidi grassi essenziali (oleico, linoleico, linolenico), importanti per la sintesi degli ormoni e quindi ndispensabili per favorire la crescita dell’organismo in generale e del cervello in particolare.

Giuseppe +39 348/9285238 | Monica +39 328/8912212